Domenica, 21 Ottobre 2018
SOVERATO

Un bagnante lancia l’allarme e dal mare riemergono ossa

di
ossa in mare, san nicola, soverato, Catanzaro, Calabria, Archivio
Un bagnante lancia l’allarme e dal mare riemergono ossa

Antonella Rubino

Soverato

Ossa umane o di un animale? È questo il mistero che dovranno dirimere gli inquirenti dopo il rinvenimento avvenuto ieri pomeriggio nello specchio acqueo antistante la località “San Nicola” di Soverato.

Ad avvisare i militari della Capitaneria di porto, guidati dal tenente di vascello Claudia Palusci, lanciando l’allarme per aver avvistato dei resti, è stato un bagnante che, durante un’immersione in apnea, ha intravisto i resti tra la sabbia.

Una giornata quindi di relax, sole e mare si è trasformata in pomeriggio di fermento ma, al contempo, anche di tanta curiosità da parte dei vacanzieri. Sul posto sono intervenuti, chiamati dalla Guardia costiera, i sommozzatori dei vigili del fuoco i quali hanno attivato le ricerche in mare durate parecchie ore, senza sosta pur di dare delle risposte concrete su ciò che poteva nascondersi tra le acque marine. Con i gommoni hanno infatti controllato tutta la zona più volte al fine di capire se ciò per cui era stata aperta la segnalazione era vero o meno. Ebbene, l’esito pervenuto alla fine delle ricerche è stato positivo.

Nelle prossime ore pertanto sarà questo il dubbio che gli esperti nominati dalla Procura, dovranno sciogliere, ovvero stabilire quindi la vera origine delle ossa ritrovate. Al momento nella zona non risultano persone scomparse; quindi, qualora fosse accertato che si tratti di ossa umane, a chi potrebbero appartenere? Qualora invece fossero di origine animale sarebbe curioso sapere come sono finite nello specchio di acqua e da quanto tempo si trovavano in mare.

Una situazione che ha destato curiosità e sviluppato la fantasia dei molti bagnanti presenti sulla spiaggia. Ognuno infatti ha ipotizzato di cosa possa trattarsi. Senza dubbio è stato un pomeriggio movimentato e insolito che ha catturato l’attenzione di adulti, soprattutto dei turisti, ma anche di tanti bambini che hanno preso tutto come un gioco e si sono entusiasmati nel vedere i militari della Guardia costiera e i sommozzatori dei vigili del fuoco in mare. Certo non capita ogni giorno di ritrovare delle ossa in mare di conseguenza in questi giorni, c’è l’attesa da parte di tutti di sapere di cosa realmente si tratti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X