Venerdì, 19 Ottobre 2018
MESSINA

Processione bloccata, contestazioni e retroscena

di
boss locale, processione, zungri, Catanzaro, Calabria, Archivio
Processione bloccata, contestazioni e retroscena

Le contestazioni contro i Carabinieri, sorte con l’interruzione della processione della Madonna della Neve, pongono al bivio la comunità zungrese. L’intervento dei militari per questioni di ordine pubblico, altro non era che vietare al presunto boss locale Giuseppe Accorinti di unirsi ai portatori in processione.

La presenza dello Stato ed il fermo del corteo, avrebbe generato qualche contestazione tra i presenti pronti invece a proseguire. Momenti di caos anche imbarazzanti, specie per il sindaco di Zungri Franco Galati che si è tolto la fascia in segno di protesta, e che hanno fatto scattare i rinforzi e il controllo documenti all’interno del santuario della Madonna della Neve per il comitato festa.

Un fatto grave che tiene divisa la comunità fra chi avrebbe voluto la prosecuzione delle celebrazioni e chi, caso ancora più grave, avrebbe sostenuto «troppo eccessivo» l'intervento dei militari. A bocce ferme, resta a livello nazionale per Zungri lo scandalo per la presenza del presunto boss locale fra i portatori della sacra effigie durante la più sentita festa del paese.

Ma un retroscena, non di poco conto per le Forze dell'ordine, emergerebbe sullo stop scattato domenica. Tutto avrebbe avuto inizio il 23 luglio, giorno in cui la sacra effigie appena restaurata ha fatto ritorno a Zungri. All’interno del santuario della Madonna della Neve gremito per l’evento, secondo alcuni fedeli presenti, Accorinti avrebbe sostato alcuni minuti vicino al quadro. Un campanello d’allarme che ha poi portato Zungri agli onori della cronaca e che ha sollevato qualche polemica sul parroco don Giuseppe Larosa e sulla prevedibilità o meno di questa situazione giudicata «incresciosa» anche dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea Luigi Renzo.

«Se avessi saputo le intenzioni di Accorinti non avrei mai fatto uscire il quadro in processione ed avrei avvisato i Carabinieri – ha dichiarato don Larosa –. Non mi giustifico, ma quanto accaduto era imprevedibile per alcuni motivi: per sostenere il massiccio quadro servono all’incirca 16 persone che si alternano durante il tragitto ogni cinque minuti e tutto il paese partecipa allo sforzo durante la processione che dura circa tre ore. Non mi è stato possibile scorgere, dalla testa del corteo, quanto accadeva diversi metri indietro, ed è stato il maggiore dei Carabinieri ad avvisarmi e a interrompere giustamente tutto. Inizialmente nessuno aveva capito cosa stesse succedendo, poiché in testa al corteo continuavamo in processione. Sull’accaduto gravissimo – ha poi concluso don Larosa – presto interverrà il vescovo Luigi Renzo, il quale potrebbe decidere di sospendere a tempo indeterminato la processione».

A difendere l’operato dei Carabinieri, è stato anche il segretario generale della Federazione sindacale di Polizia Valter Mazzetti, il quale ha dichiarato: «Avremmo voluto che tutti i presenti scoppiassero in un applauso quando i Carabinieri hanno interrotto la processione a cui voleva pendere parte il pluripregiudicato ritenuto il boss locale della ’ndrangheta. Abbiamo assito, piuttosto, a un atteggiamento di opposizione e persino di recriminazione nei confronti delle Forze dell’ordine. La gravità di questa vicenda sta in questo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X