Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Statale 106, la procura di Catanzaro accusa: "Nessun lavoro per la sicurezza"
L'ESPOSTO

Statale 106, la procura di Catanzaro accusa: "Nessun lavoro per la sicurezza"

«Nessun lavoro per la sicurezza ambientale e idraulica è stato effettuato nonostante fosse stato indicato e descritto nel progetto». L’accusa è pesantissima ed è al vaglio dei magistrati della Procura di Catanzaro. In sintesi, la parte della nuova statale jonica 106 al confine tra i Comuni di Catanzaro e Simeri, nel punto in cui attraversa il fiume Alli, sarebbe stata realizzata in difformità al progetto originale, senza «protezioni idrauliche» che seppur previste non avrebbero mai visto la luce.

A scoprirlo, quasi casualmente, sarebbero stati i proprietari di alcuni terreni espropriati per realizzare la nuova importantissima arteria che hanno portato Anas e il suo contraente generale Comeri davanti alla giustizia amministrativa. I proprietari lamentavano che Anas e Comeri avessero espropriato particelle che non erano mai state contemplate nelle dichiarazione di pubblica utilità e infatti non erano inserite nel piano particellare grafico contenuto nel decreto di esproprio. La sentenza del Tar, poi uscita immutata dal vaglio del consiglio di Stato, gli ha dato ragione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook