Giovedì, 19 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Condannate le maestre violente dell'asilo di Mileto

di

Sono state tutte condannate le maestre dell'asilo comunale di Mileto finite sotto processo con l'accusa di aver vessato un bimbo, colpendolo ripetutamente a schiaffi e in diverse parti del corpo o tenendo nei suoi confronti atteggiamenti definiti prevaricatori. A distanza di otto anni dai fatti - poi sfociati nell'operazione "Don Rodrigo" dei carabinieri di Mileto e Vibo che denominarono l'inchiesta con il nome del personaggio utilizzato per impaurire il bambino  con sindrome da ipervivacità (Adhd), all’epoca dei fatti di cinque anni - il giudice monocratico del Tribunale di Vibo Valentia, Marina Russo, dopo circa un'ora e mezza di camera di consiglio, ha emesso a carico delle imputate una sentenza di condanna andata oltre le richieste del pubblico ministero.

Nello specifico sono state condannate a 3 anni e 6 mesi  Adriana Mangone (avv. Vincenzo Gennaro e avv. Giuseppe Rombolà), Francesca De Liguori Cimino (avv. Giovanni Marafioti), Elena Magliaro (avv. Tony Crudo) e Maria Teresa Spina (avv.Fortunato Giordano). Nei confronti delle maestre Mangone e De Liguori Cimino il pm aveva chiesto una condanna a due anni e 4 mesi, mentre di due anni era stata la richiesta avanzata per le insegnanti Magliaro e Spina.

Il Tribunale, inoltre, ha condannato a tre anni Maria Teresa Riso (avv. Nicola Riso) - anche per lei il pm aveva chiesto due anni - e analoga pena è stata inflitta ad Anna Maria Veneziani (avv. Gennaro) per la quale la richiesta del pubblico ministero era stata di un anno e 8 mesi. Tutte e sei le imputate sono state interdette per cinque anni dai pubblici uffici.

Una sentenza accolta con una certa soddisfazione dai genitori del bambino costituitisi parte civile e dall'avvocato Giuseppe Di Renzo che li rappresentava, anche in considerazione del fatto che a causa dei numerosi rinvii e cambi di giudice i reati contestati hanno rischiato di cadere in prescrizione.

Secondo quanto emerso dalle indagini – scattate a seguito di un filmato pervenuto in forma anonima ai carabinieri di Mileto – il bimbo sarebbe stato  colpito ripetutamente a schiaffi in diverse parti del corpo e in qualche occasione rinchiuso, da qualche insegnante, in uno sgabuzzino al buio e impaurito con l’arrivo di un fantomatico “Don Rodrigo”  che l’avrebbe punito per il suo comportamento indisciplinato.
Un “trattamento” che sarebbe stato riservato al bambino, affetto da problematiche psico-patologiche con disturbo da deficit di attenzione e iperattività, per un anno e cinque mesi.

In questo arco di tempo, secondo quanto rilevato dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia nel corso delle indagini, le maestre avrebbero vessato il piccolo, colpendolo ripetutamente a schiaffi in diverse parti del corpo  o tenendo nei suoi confronti atteggiamenti prevaricatori e psicologicamente violenti. In alcune circostanze, infatti, il bambino sarebbe stato bloccato con la forza al fine di togliergli la tuta e impedirgli così di fare la lezione di calcio; sarebbe stato costretto a sedersi su di una sedia che era stata poco prima bagnata oppure sarebbe stato rinchiuso nel ripostiglio della scuola dell’infanzia e spaventato con l’arrivo di don Rodrigo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook