Giovedì, 27 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo Valentia, finisce sott’inchiesta il boss che minacciò la pm
TRIBUNALE

Vibo Valentia, finisce sott’inchiesta il boss che minacciò la pm

di

Sono passati oltre due anni da quell’udienza infuocata, dai toni forti ed a tratti minacciosi, tenutasi nell'aula bunker del palazzo di giustizia di Vibo Valentia, nell’ambito del processo Black money. Una vicenda finita sotto i riflettori degli investigatori e della Procura della Repubblica di Salerno.

Le accuse e le minacce del boss Pantaleone Mancuso (alias Scarpuni), figura apicale dell’omonima e potente cosca della ’ndrangheta operante nel Vibonese, non potevano passare inosservate. Il sostituto procuratore Vincenzo Senatore, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, ha chiesto al gip (che ha già fissato l’udienza per il 21 febbraio) il rinvio a giudizio dell’imputato, perché ritenuto responsabile di «oltraggio a un magistrato in udienza». Imputazione aggravata dalle modalità mafiose.

Un procedimento che vede parte offesa il pubblico ministero Marisa Manzini, finito sotto il tiro del boss per avere indagato a lungo sui Mancuso di Limbadi e, inoltre, per avere prima coordinato le indagini e dopo rappresentato la pubblica accusa nel procedimento Black money, anche in regime di applicazione alla Distrettuale antimafia di Catanzaro dopo il suo trasferimento alla Procura generale di Catanzaro e, successivamente, a Cosenza in qualità di procuratore aggiunto, dove ancora si trova ad operare.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook