Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Delitto Figliomeni a Locri, Costa prova a delegittimare il fratello pentito
LA DICHIARAZIONE

Delitto Figliomeni a Locri, Costa prova a delegittimare il fratello pentito

di
locri, omicidio figliomeni, tommaso costa, Tommaso Costa, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Tribunale di Reggio Calabria

Tommaso Costa si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia, seguito all’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Procura antimafia che gli contesta di essere stato l’organizzatore ed esecutore materiale dell’omicidio di Vincenzo Figliomeni detto “Brigante”, ucciso nel novembre del 1988 in contrada Donisi di Siderno.

Tommaso Costa, difeso dall’avvocato Sandro Furfaro, in sede di spontanee dichiarazioni avrebbe contestato la credibilità del fratello Giuseppe Costa, collaboratore di giustizia sul cui racconto si fonda gran parte del materiale probatorio contenuto nell’ordinanza custodiale. Costa si trova detenuto nel carcere di Viterbo dove sta scontando precedenti condanne, tra le quali quella all’ergastolo per l’omicidio di Pasquale Simari, ucciso nel luglio del 2005 a Gioiosa Jonica.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook