Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Stroncato da un tumore a 18 anni, la storia di Suhel: il migrante accolto a Squillace
"PICCOLO GUERRIERO"

Stroncato da un tumore a 18 anni, la storia di Suhel: il migrante accolto a Squillace

di
Fondazione Città Solidale, migranti, Sprar di Squillace, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Suhel veniva da Bangla desh

Un momento di dolore per la Fondazione “Città Solidale” e per l’ex Sprar di Squillace. È morto ieri per un male incurabile Suhel, un giovane ospite del Bangladesh. Era definito “piccolo guerriero”, e la sua storia è stata ripresa dai media regionali come esempio di accoglienza e amore da parte della struttura che lo ospitava.

Suhel è morto in una struttura sanitaria di Catanzaro, ma è stato ospite del “Siproimi” (Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati) “Il Vivarium” di Squillace.

La struttura era riuscita a far arrivare in Italia la madre del giovane, che a giugno scorso aveva compiuto 18 anni.

La signora, una donna umile e minuta è giunta nei primi giorni del settembre scorso ed è stata costantemente vicina al figlio in di ospedale.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Catanzaro in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook