Mercoledì, 17 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Lamezia, muore a 37 anni ma è donatrice: l'altruismo di Maria “restituisce” la vita a diversi malati

donazione organi, malati, trapianto, Maria Strangis, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Maria Strangis

Stava rientrando a Roma dove insegnava come ormai faceva ogni lunedì, dopo aver trascorso il weekend con la sua famiglia a Lamezia. Maria Strangis, 37 anni, era sul treno quando improvvisamente si è sentita male; l'ha soccorsa una dottoressa che viaggiava nella sua stessa carrozza. Il treno è stato praticamente “dirottato” ed è stato fatto fermare nei pressi di Roma. La giovane donna è stata immediatamente soccorsa e ricoverata all'ospedale di Tor Vergata dove i medici si sono subito resi conto che la situazione era molto grave e hanno deciso di operarla.

Dopo l'intervento la situazione non è migliorata. L'insegnante lametina è rimasta attaccata alle macchine per cinque giorni fino a quando il suo cuore ha cessato di battere. Maria Strangis era donatrice e, dopo il suo decesso, i suoi organi rimasti in buone condizioni sono stati donati a diversi malati in attesa di trapianto.

Grazie alla generosità della giovane lametina tante persone si sono “riaffacciate” alla vita con tanta speranza. Maria, giovane vita spezzata, ha ridato entusiasmo e vigore a tante altre vite che sembravano invece condannate ad un'inesorabile fine.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook