Lunedì, 25 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
SERRA SAN BRUNO

Controlli nelle Serre Vibonesi, denunce per possesso di armi, munizioni e per lavoro nero

di

Nel corso dell’ultimo weekend, i Carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno hanno intensificato i controlli in tutta la giurisdizione ed in particolare nei territori montani delle Serre vibonesi. Raffica di perquisizioni e controlli a tappeto in tutto l’hinterland sono partiti già nella giornata di venerdì quando è stato denunciato un 19enne residente in San Nicola da Crissa poiché, a seguito di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di munizionamento cal. 7.65 illegalmente detenuto. Un altro ragazzo, sempre dello stesso comune, è stato trovato in possesso di una dose di marijuana e per questo segnalato all’Autorità Amministrativa.

Invece, i controlli su strada hanno portato al deferimento all’Autorità Giudiziaria di un soggetto originario di Soriano Calabro poiché risultato positivo all’alcoltest; il tasso alcolico registrato è stato pari a 2,32 g/l, quindi di molto superiore allo 0,5 consentito.

A seguito di un’altra perquisizione veicolare è stato individuato un soggetto che deteneva munizionamento cal. 12 a palla unica, anche queste illegalmente detenute. Un altro ragazzo, invece, originario di Monterosso Calabro, a seguito di perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 2 gr. di marijuana; anche per lui è scattata la segnalazione alla Prefettura.

Non sono mancati poi i controlli agli esercizi adibiti a ristorazione nel Comune di Serra San Bruno unitamente ai Carabinieri del Nas di Catanzaro e del Nil di Vibo Valentia. Tali servizi, svolti tutti nella serata di sabato, hanno portato alla sospensione di due attività lavorative. Nel primo caso, poiché sono stati individuati due lavoratori “in nero”. Oltre alla sospensione dell’attività e contestuale elevazione di una multa pari a 2000 euro, è stata comminata una sanzione di 7200 euro per l’impiego dei lavoratori irregolari; nel secondo caso, invece, è stata elevata una sanzione di 1000 euro con contestuale sospensione dell’attività lavorativa subordinata al ripristino delle normali condizioni igienico sanitarie e strutturali. Di fatto, i militari del Nas di Catanzaro, hanno accertato varie inadempienze sia strutturali che igienico sanitarie. Un altro controllo, sempre presso un esercizio adibito alla ristorazione in Serra San Bruno ha portato alla sanzione di euro 2000 per la mancata applicazione del protocollo di autocontrollo alimentare.

Complessivamente sono stati controllati 120 autoveicoli e 180 persone. Sono state, inoltre, effettuate 30 perquisizioni veicolari ed elevate circa 17 sanzioni al codice della strada per un totale di 11.000 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook