Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
LA VICENDA

Avrebbe intascato premi assicurativi per 820 mila euro, ora rischia il processo a Catanzaro

Semplice assicuratore o genio della truffa? Ruota attorno a questo interrogativo la vicenda giudiziaria che coinvolge un assicuratore catanzarese che nel volgere di pochi anni sarebbe riuscito a mettersi in tasca oltre 820mila euro.

In pratica i premi assicurativi invece di finire sui conti dei clienti dell'agenzia andavano a finire nella sua disponibilità. Ora però rischia di finire a processo. Il sostituto procuratore Giulia Tramonti ha infatti notificato un avviso di conclusione delle indagini con contestuale informazione di garanzia nei confronti di F.B., l'assicuratore catanzarese, difeso dall'avvocato Antonello Talerico, deve rispondere delle accuse di appropriazione indebita e truffa.

L'indagine a suo carico, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, è partita nel 2016 quando un utente ha segnalato all'agenzia un'anomalia. Da lì sono poi scattate le verifiche che avrebbero fatto emergere i presuntoi illeciti.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l'assicuratore sarebbe riuscito a conquistare la fiducia di decine di clienti, tanto da averne ottenuto i titoli. Per il pm Tramonti l'assicuratore dipendente di un'agenzia con sede a Catanzaro sarebbe riuscito ad appropriarsi di 820.290,16 euro. Una cifra enorme che corrisponderebbe all'ammontare complessivo dei premi previdenziali corrisposti da ben 65 clienti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook