Martedì, 18 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
BIOLOGO ASSASSINATO

A Limbadi una giornata di denuncia in ricordo di Matteo Vinci

di
antimafia, assassinio Vinci, biologo trucidato, denuncia contro l'illegale, manifestazione a Limbadi, Francesco Saccomanno, Francesco Vinci, Giuseppe De Pace, Matteo Saccomanno, Matteo Vinci, Rosaria Scarpulla, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Autobomba Limbadi

Commemorare Matteo Vinci a un anno dal suo assassinio, ma soprattutto celebrare un «caduto per la libertà». Una celebrazione che però non seguirà i canoni della «liturgia dell'antimafia in cui vengono generalmente collocate le tante professionalità che hanno dato la loro vita per il “profumo della libertà”» ma sarà un momento di denuncia. Non soltanto giuridicamente intesa, bensì puntando il dito contro l'illegale quotidiano della vita di ognuno e dando a esso voce. Un concetto di lotta alla mafia che non può e non deve prescindere dalla denuncia, appunto, di «vicende e fatti che ci riguardano».

Attorno a tutto questo ruoterà, martedì 9 aprile, la manifestazione in programma a Limbadi. A illustrare i contenuti dell'iniziativa sono stati, ieri mattina (nella sede di Confcommercio a Vibo) l'avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia del biologo trucidato un anno fa con un'autobomba, Rosaria Scarpulla e Francesco Vinci, genitori di Matteo e Francesco Saccomanno componente del gruppo nato spontaneamente per sostenere la famiglia Vinci.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook