Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
SANITA'

Crotone, cambiano le regole al Centro trasfusionale: paura per i costi

di

Dal domani tutte le sacche di sangue che giungeranno al Centro trasfusionale di Crotone dovranno essere analizzate e lavorate, prima di essere utilizzate, nel centro regionale di Catanzaro, dal quale poi torneranno indietro per essere messe a disposizione dell'ospedale civile e delle cliniche private.

Questo è quanto previsto dal decreto 58 del 2018 dell'ex commissario Massimo Scura. L'obiettivo, riporta la Gazzetta del Sud in edicola è quello di ridurre i costi, ma il timore è che le spese non saranno realmente abbattute: il trasporto, infatti, potrebbe avere dei costi non indifferenti e si spera che il sistema funzioni al meglio anche per evitare ritardi nelle consegne.

A parlare di questi imminenti cambiamenti è stato il primario del Centro trasfusionale di Crotone Patrizia Leonardo, intervenuta ieri mattina alla festa del donatore dell'Avis. «Il nostro centro trasfusionale - ha spiegato - è uno dei migliori della regione, e a dirlo sono i numeri. Nel 2018 abbiamo raccolto 8.142 sacche di sangue e ben 128 sacche di plasma, superando anche l'invito della Regione che ci aveva invitato a raggiungere quota 120. Sicuramente il lavoro che fanno i volontari dell'Avis è importantissimo, così come è importante il lavoro del personale, nonostante le numerosissime difficoltà».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook