Mercoledì, 17 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
USURA

Lamezia, la Cassazione annulla la confisca per Caruso: accolto il ricorso

di
confisca beni, corte d'appello, corte di cassazione, guardia di finanza, Francesco Gambardella, Giuliano Caruso, Catanzaro, Calabria, Cronaca
La corte d'appello di Catanzaro

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la confisca di tutti i beni dell'imprenditore edile lametino Giuliano Caruso accusato di usura. La Corte d'Appello di Catanzaro dovrà quindi ripronunciarsi sulla legittimità del tesoro da otto milioni e mezzo di euro. Il procuratore generale aveva chiesto il rigetto del ricorso presentato dall'imprenditore, la Suprema Corte però ha accolto la richiesta avanzata dall'avvocato Francesco Gambardella.

La confisca dei beni era stata effettuata nel settembre del 2017 sulla base delle informative del Nucleo mobile del gruppo della Guardia di finanza. I sigilli erano stati apposti a due ville situate in un residence turistico della riviera tirrenica; un fabbricato adibito a uffici e un magazzino ad uso commerciale nel centro cittadino; una lussuosa villa nella zona montana lametina, con annessa piazzola di atterraggio per elicotteri; una grande struttura adibita a hotel e ristorante nell'hinterland lametino; una struttura adibita a attività commerciale nella periferia lametina; 15 appezzamenti di terreni, sia agricoli che edificabili.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook