Sabato, 17 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
I DISAGI

Ospedale di Tropea, carenza di personale e servizi dimezzati

di
carenza di personale, Ospedale di Tropea, servizi dimezzati, servizio di dialisi, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Ospedale di Tropea

Dopo il pericolo di chiusura del reparto di ortopedia dell'ospedale Jazzolino di Vibo Valentia l'attenzione si sposta sul presidio ospedaliero di Tropea perché, con l'arrivo della stagione estiva, se Vibo non sorride, Tropea - che per ortopedia può usufruire solo di un ambulatorio, insufficiente a servire le esigenze di una zona che conosce ogni anno un boom di affluenze - presenta ancora una situazione sconfortante.

Il personale infermieristico del distretto tropeano punta il dito soprattutto alle condizioni del servizio di dialisi, che è stato storicamente un motivo di orgoglio per l'ospedale tropeano. Mentre il personale si sacrifica quotidianamente nell'interesse della salute degli utenti, è semplicemente carente a livello numerico per seguire i 35 pazienti che si sottopongono ogni giorno al ciclo di dialisi.

Si lavora sperando che i tre medici ora in servizio non debbano mai avere bisogno di un giorno di riposo o di ferie. «Il paradosso è che l'ex commissario Scura aveva sì fatto un sacco di tagli, ma per Tropea aveva previsto una serie di servizi essenziali che lo avrebbero reso ospedale generale, cioè completo. Resta da capire il motivo, politico o meno, per cui il suo decreto non sia stato attuato dall'Asp».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook