Mercoledì, 18 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Nuovo ospedale di Vibo, nell'area sequestrata via il materiale di risulta

di

I numerosi materiali di risulta abbandonati lungo un'area del cantiere per la realizzazione delle opere complementari al costruendo nuovo ospedale di Vibo, presto verranno rimossi.

La notizia è stata confermata dall'Ufficio di supporto del responsabile unico del procedimento Domenico Pallaria, direttore generale dei dipartimenti Lavori Pubblici e Ambiente della Regione.

A giorni quindi, scrive la Gazzetta del Sud in edicola, partiranno i lavori di rimozione del materiale accumulato - causa del sequestro scattato sull'area da parte della Guardia di finanza - dopo che proprio l'altro ieri, proprio su richiesta del costruttore, la Procura ha autorizzato la rimozione da parte di una ditta del Vibonese, che ha i requisiti necessari per compiere i lavori, ed anche per poter smaltire i residui di lavorazione sul cantiere.

Non vengono meno, però sigilli apposti sull'area, e questo potrebbe rallentare significativamente l'andamento generale dei lavori del nuovo nosocomio. Bisognerà dunque attendere che la magistratura si esprima in merito, prima di capire quanto e come i tempi si allungheranno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook