Venerdì, 15 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INTERPELLANZA

Safe City a Catanzaro, la minoranza incalza Abramo: dieci giorni per chiarire la sua posizione

catanzaro, impianto di sorveglianza, minoranza, Palazzo De Nobili, safe city, cristina rotundo, Fabio Celia, Gianmichele Bosco, Libero Notarangelo, Lorenzo Costa, Nicola Fiorita, Roberto Guerriero, Sergio Abramo, sergio costanzo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Palazzo de Nobili

Dieci giorni di tempo per dare una risposta sull'affaire “Safe City”. Il conto alla rovescia è già partito ieri per il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, destinatario di un'interpellanza a risposta scritta presentata da otto consiglieri comunali di opposizione Gianmichele Bosco, Nicola Fiorita, Sergio Costanzo, Fabio Celia, Cristina Rotundo, Roberto Guerriero, Libero Notarangelo e Lorenzo Costa.

Il documento depositato ieri a Palazzo De Nobili impone infatti una precisa scadenza entro la quale fornire una risposta scritta alle istanze in esso contenute. Nel dettaglio, gli esponenti dei gruppi Cambiavento, Fare per Catanzaro, Pd e Socialisti e Riformisti chiedono ad Abramo di chiarire la sua posizione rispetto al progetto del mega impianto di videosorveglianza che nel 2013 si pensava avrebbe coperto tutta la città e sarebbe stato gestito dalla società israeliana Bunkersec ltd.

Proprio gli aspetti procedurali di questo progetto, propedeutici all'appalto, sarebbero poi finiti al vaglio della Procura che avrebbe iscritto nel registro degli indagati l'allora Giunta guidata proprio da Abramo.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook