Venerdì, 15 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Lavori al pronto soccorso di Crotone, nove mesi per una firma

di

Com'è noto, in nove mesi si fa un bambino. Ma - vedi com'è la vita! - non bastano a mettere una firma, l'ultima, indispensabile per iniziare la costruzione del nuovo Pronto soccorso a Crotone. I soldi ci sono, il progetto è fatto, l'opera autorizzata, i lavori aggiudicati. Ma, niente. Se non c'è quella firma, tutto resta bloccato.

Uno stop, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, che dura da nove mesi. Quella resa nota dal sindacato autonomo Fials della sanità è una vicenda surreale. È raccontata in una lettera inviata dal segretario provinciale del sindacato Francesco Sarcone al ministro della salute Giulia Grillo.

Scrive il segretario Fials: «Con delibera della Giunta Regione Calabria n. 286, del 21 Luglio 2016, l'opera è stata finanziata per un importo di € 1.300.000. Vogliamo denunciare il dramma che viviamo in qualità di cittadini dell'Asp di Crotone nell'utilizzare locali di Pronto soccorso inadeguati, separati, distanti fisicamente dalla Medicina d'Urgenza".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook