Venerdì, 19 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
IL GIALLO

L'ombra degli affari dietro la scomparsa di Maria Chindamo a Limbadi

di
giallo donna limbadi, limbadi, ricerche maria chindamo, Maria Chindamo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Ricerche Maria Chindamo

«Maria non apparteneva a nessuno, tranne che alla Libertà. Nata Libera, sarà Libera in eterno». Queste parole postate su una pagina Facebook dedicata a Maria Chindamo - l'imprenditrice 44enne di Laureana di Borrello, che, se il destino non le avesse brutalmente sbarrato la strada, lo scorso 7 giugno avrebbe festeggiato i 47anni - riportano alla memoria di amici, familiari e parenti l'immagine di una donna determinata, solare e capace di andare a testa alta in un contesto socio-ambientale ancorato a visioni primordiali della vita.

La lettera anonima pervenuta un paio di mesi fa alla Procura di Vibo e all'avvocato Nicodemo Gentile, legale di fiducia della famiglia Chindamo, riporta l'intera vicenda sotto i riflettori della cronaca. I suoi contenuti aprono le porte, come riporta la Gazzetta del Sud in edicola, anche a nuove congetture. In ogni caso, mettono al centro di ogni considerazione non questioni sentimentali, ma di proprietà e soldi.

L'idea è che gli inquirenti, sino ad oggi, non abbiano trascurato o sottovalutato alcuna ipotesi. L'anonimo suggeritore, però, si cala in dettagli che non potevano essere noti a chiunque.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook