Lunedì, 23 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Illeciti nella gestione della Sacal, chiesta condanna per l'ex sindaco di Lamezia Mascaro
ABUSO D'UFFICIO

Illeciti nella gestione della Sacal, chiesta condanna per l'ex sindaco di Lamezia Mascaro

lamezia, sacal, Francesco Buffone, Giuseppe Gatto, Paolo Mascaro, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Paolo Mascaro

Il pubblico ministero di Lamezia, Marta Agostini, ha chiesto la condanna di tutti e tre gli imputati, che hanno scelto di essere processati con il rito abbreviato, rimasti coinvolti nell'operazione "Eumenidi", inchiesta contro una presunta gestione illecita della Sacal, società che gestisce i tre scali calabresi.

Si tratta dell'ex sindaco di Lamezia Terme Paolo Mascaro, del dipendente Sacal Francesco Buffone e dell'imprenditore catanzarese Giuseppe Gatto: per loro il pm ha chiesto una pena di 5 mesi e 10 giorni di reclusione.

Nell'udienza di oggi hanno concluso anche le parti civili: Sacal, rappresentata dall’avvocato Michele Cerminara, il Comune di Lamezia Terme con l’avvocato Caterina Restuccia e la Regione con l’avvocato Rosario Gioffrè. L’udienza è stata rinviata all’8 luglio per le discussioni dei difensori degli imputati.

Per gli imputati l’ipotesi è quella del reato di abuso d’ufficio. In particolare all’ex sindaco Mascaro viene contestato l’abuso d’uffico per la nomina di Emanuele Ionà come consigliere amministrativo della Sacal; a Gatto la nomina di Pierluigi Mancuso a direttore generale della Sacal e a Buffone per la vicenda relativa a garanzia giovani. Il processo dovrebbe concludersi tra due settimane.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook