Martedì, 23 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
IL PROCESSO

Lamezia, delitto Pagliuso: dopo la Cassazione si torna al Tribunale della Libertà

di

Dovrà essere ridiscussa la posizione di Luciano Scalise come mandante dell'omicidio dell'avvocato Francesco Pagliuso, freddato il 9 agosto 2016 nel giardino della sua casa a Lamezia Terme.

A sollecitare un nuovo confronto tra accusa e difesa è la quinta sezione della Corte di Cassazione che ha annullato con rinvio il provvedimento con cui il Tribunale della Libertà aveva confermato il carcere a Scalise per l'accusa di concorso in omicidio.

Ora la Suprema Corte, accogliendo in parte il ricorso presentato dagli avvocati Antonio Larussa e Piero Chiodo, ha rinviato gli atti a Catanzaro per una nuova decisione del Tribunale del Riesame limitatamente al capo di imputazione relativo all'omicidio del penalista lametino, mentre resta confermato il reato di associazione mafiosa.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook