Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LE INDAGINI

Omicidio Chindamo a Limbadi, i riscontri sull'hard disk portano fino in Cina

di
limbadi, omicidio chindamo, scomparsa maria chindamo, Maria Chindamo, Salvatore Ascone, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Maria Chindamo

Meno di cinque minuti per cogliere la vittima di sorpresa, colpirla, caricarla sull'auto e fuggire.

Dalle 7,10 alle 7,15 del 6 maggio 2016, infatti, si è svolta l'azione di fronte alla tenuta di Maria Chindamo in contrada Carini di località Montalto, nel territorio di Limbadi.

E per avere la certezza che, la sera del giorno prima dell'imboscata alla donna, il sistema di videosorveglianza abbia smesso di funzionare alle 22,37 e 20 secondi per un'interruzione manuale dell'alimentazione dell'hard disk interno, gli inquirenti hanno interpellato direttamente la casa produttrice cinese del Dvr.

Ieri mattina Salvatore Ascone è comparso davanti al gip del Tribunale di Vibo per l'interrogatorio di garanzia avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Per concorso in omicidio indagati anche il figlio del 53enne e un romeno, suo uomo di fiducia.

L'articolo completo nell'edizione odierna della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook