Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
DESOLAZIONE E RABBIA

Rione Carmine a Vibo, la storia “frana” sotto il peso dell'abbandono

di

Angoli d'infinito che si perdono a vista. È questa la sensazione che si ha nel percorrere la scalinata del Conte d'Apice, che porta alla chiesetta della Madonna dei poveri. Siamo nel quartiere Carmine, a Vibo. È Ferragosto. La messa vespertina si tiene solo nella chiesetta della Madonna dei poveri. Le persone che vi partecipano salgono con difficoltà la scalinata, rotta in vari punti. Anche la parete in pietra a poco a poco sta venendo giù.

A franare è il terreno sovrastante che lentamente scivola su una delle opere architettoniche più belle. Arrivati in cima il panorama è mozzafiato, ma bisogna stare attenti nell'affacciarsi perché una parte del muretto è crollato.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook