Giovedì, 05 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
SCOMMESSA VINTA

Differenziata, Pizzo "città virtuosa": superata la soglia del 65%

Supera la soglia del 65% nella raccolta differenziata il Comune di Pizzo. A darne notizia è lo stesso sindaco che sottolinea come "la comunità di Pizzo ha dimostrato e continua a dimostrare che non sono i tempi a dare ad una città la possibilità di dimostrarsi virtuosa, ma la volontà, la consapevolezza e la voglia di partecipare ad un progetto per il bene comune e la tutela dell’ambiente". Soddisfatto, dunque, Callipo che insieme all’assessore all’ambiente Fabrizio Anello sottolinea il fatto che il risultato non era per nulla scontato, considerando le poche settimane trascorse dall’introduzione del sistema di raccolta spinta e, quindi, l’eliminazione dei cassonetti dalle strade.

"La città – aggiunge Anello - ha imparato in tempi brevi, si è abituata all’assenza dei cassonetti ed ha contribuito a far vincere una grande scommessa. Soprattutto nei confronti di quei tanti oppositori che gridavano alla scandalo, dipingendo scenari catastrofici e dicendo che sarebbe stato un fallimento con il paese sommerso dai rifiuti. Così non è stato! Anche se il fenomeno dell’abbandono è presente, specialmente nelle aree periferiche, il paese si presenta nuovamente come tra i più puliti della provincia ed ora, finita l’estate, si potrà lavorare per affinare maggiormente il servizio".

Anello coglie l’occasione per ringraziare Calabra Maceri e gli operatori che si sono e si stanno impegnando per far sì che il servizio funzioni e la cittadinanza che differenziando ha dato prova di alta civiltà. Questo – conclude - è un risultato per tutti noi che ci abbiamo creduto e ci crediamo ed un fallimento per coloro i quali ancora cercano di denigrare quanto di buono si sta facendo.

Il mese di luglio si è chiuso con il 50%; in quello di agosto, il mese in cui si producono più rifiuti, è stata raggiunta la percentuale del 65,9% di raccolta differenziata.

"Di questo 66% - chiarisce Anello - il 45% è formato dalla frazione organica ed il 21% da plastica, alluminio, vetro, carta e cartoni ed ingombranti. Si registra, inoltre, una diminuzione del 30% del rifiuto totale prodotto, dato che testimonia – aggiunge l’assessore all’ambiente – il fenomeno alimentato dalle persone dai paesi vicini che venivano a buttare la spazzatura a Pizzo; pratica che ora che non ci sono i cassonetti, non è più possibile".

Certo restano le segnalazioni dei cittadini, perché se la differenziata è finalmente entrata a regime dall'altro lato a Pizzo restano cumuli di rifiuti in diverse aree e, dunque, la strada è ancora in salita.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook