Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Uccise un cacciatore a Miglierina, chiesto il processo

di

Omicidio colposo, questa l'accusa da cui dovrà difendersi Giuseppe Scialpi, 55 anni, pugliese di nascita ma residente a Catanzaro, che rischia di finire a processo per la morte di Giuseppe Mamone, pensionato Enel 63enne, ucciso il 30 dicembre 2017, nel corso di una battuta al cinghiale, a Miglierina, nel Catanzarese.

Il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Stefania Caldarelli ha chiesto il rinvio a giudizio per l'uomo che comparirà davanti al gup Paola Ciriaco il prossimo 11 settembre per l'inizio dell'udienza preliminare.

Secondo la ricostruzione della Procura catanzarese l'indagato avrebbe esploso un colpo “in assenza di visibilità, spostandosi dalla posizione a lui assegnata dal capo squadra Mamone, senza aver preventivamente individuato la natura del bersaglio”.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Catanzaro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook