Lunedì, 16 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Due fratelli di Amaroni si ritrovano dopo 63 anni grazie al web

di
amaroni, social network, Emanuela Mellace, Giovanni Martino Angellone, Paolo Bongarzone, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Paolo Bongarzone e Giovanni Martino Angellone

Il prossimo anno verrà in Italia e finalmente potrà abbracciare il fratello e gli altri parenti. Nel frattempo ci sono i social network e i software di messaggistica istantanea con cui si tengono in contatto. È la storia di Giovanni Martino e di Paolo, due fratelli di Amaroni che si persero 63 anni fa ed ora, grazie al web, si sono ritrovati.

Paolo Bongarzone è nato ad Amaroni 75 anni fa, risiede a Monza, dove ha lavorato in metalmeccanica e in estate abita a Squillace con la moglie, del luogo. Giovanni Martino, che ora ha 72 anni, negli anni Cinquanta venne affidato ad una famiglia statunitense ed assunse il cognome Angellone. I due hanno altri due fratelli, Giuseppe, che vive a Vallefiorita ed Elisabetta, che risiede ad Avellino, mentre la sorella Santina è deceduta vent’anni fa.

La storia che ha cambiato il loro percorso di vita ha inizio quando circa 70 anni fa la loro mamma, Emanuela Mellace, venne ricoverata in ospedale a Napoli per un tumore. Erano tempi di ristrettezze e mantenere una famiglia numerosa era duro, sicché i funzionari comunali di Amaroni dell’epoca consigliarono alla signora Emanuela di affidare ad una famiglia i due figli più piccoli, Giovanni Martino e Santina.

Accadde questo: i due partirono, per trovare un’ottima sistemazione presso due famiglie americane, in nave da Napoli, senza che i familiari conoscessero la destinazione precisa. In tempi di social e di internet, una nipote di Emanuela Mellace, Silia, scopre l’esistenza, in una cittadina della Pennsylvania, di un Giovanni Martino, nato ad Amaroni.

Comincia a chattare con lui, finché scopre che prima di chiamarsi Angellone il suo cognome era Bongarzone, come i suoi cugini. Da lì i contatti si intensificano, fino a scoprire che è quel Giovanni Martino che lasciò Amaroni negli anni Cinquanta.

Lo scambio di foto e documenti toglie ogni dubbio. Da Amaroni, dall’abitazione di Silia, dunque, si organizza il collegamento video con il parente ritrovato. Paolo e Giovanni Martino finalmente si mettono in contatto e l’incontro, sia pur virtuale, è commovente.

Dal fratello americano arriva poi la promessa che nella prossima estate verrà in Italia, «così – dice a Paolo – potremo abbracciarci, visto che da quando abito in America non sono mai più tornato».

«È incredibile – confessa Paolo – dopo 63 anni ho ritrovato mio fratello. Lui ci credeva tutti deceduti. Ora non vediamo l’ora di poterlo riabbracciare».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook