Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Catanzaro, olio e favori per ottenere appalti dell'Asp: cinque nei guai

di
inchiesta, Eliseo Ciccone, Francesco Serapide, Giuseppe Luca Pagnotta, Italo Colombo, Tommaso Antonio Strangis, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Asp di Catanzaro

Ambulanze vecchie senza barelle o bombole d'ossigeno, favori e regalie per indirizzare gli appalti così sarebbero andate le cose nella sanità pubblica catanzarese. La prima tranche dell'operazione “Quinta Bolgia”, che ha innescato l'effetto domino culminato con lo scioglimento dell'Asp per infiltrazioni mafiose, arriva al banco di prova dell'udienza preliminare.

Nei giorni scorsi, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, il sostituto procuratore della Procura di Catanzaro Vito Valerio ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque persone. Si tratta di Tommaso Antonio Strangis, 54 anni di Lamezia Terme, Italo Colombo, 49 anni di Catanzaro, Francesco Serapide, 56 anni di Catanzaro, Giuseppe Luca Pagnotta, 46 anni di Catanzaro ed Eliseo Ciccone, 66 anni di Albi. Gli indagati devono rispondere a vario titolo di frode in pubbliche forniture, corruzione, induzione a dare o promettere utilità e rivelazione di segreti d'ufficio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook