Giovedì, 21 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Morti sospette e malasanità, ispettori in azione allo Jazzolino di Vibo

di

Si riparte con le ispezioni. Prima quella della delegazione regionale, ieri del pool inviato allo Jazzolino di Vibo dal ministro della Salute Roberto Speranza. Ispezioni, morti sospette e presunti o veri casi di malasanità restano però, di fatto, il triste trait d'union della sanità vibonese. Quella di ieri e questa di oggi.

Ispezioni che, molto spesso, arrivano a tragedie consumate, dopo il silenzio assordante che ha negli anni, ma anche di recente, avvolto i segnali di preoccupazione lanciati da medici, personale sanitario in genere e pazienti.

Insomma “attenzioni” che il più delle volte arrivano fuori tempo massimo e che sfondano le porte aperte di un ospedale che presenta tutti i suoi limiti ma dove c'è chi con impegno, professionalità e caparbietà va avanti e cerca, nonostante tutto, di dare assistenza e cure.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Vibo della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook