Giovedì, 05 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'IMPIANTO

Catanzaro, il giallo dell'ascensore di Bellavista: non previsto il servizio pubblico

di

A poco più di due settimane dalla riapertura, l'ascensore panoramico di Bellavista rimane avvolto nel mistero e nelle polemiche. Nel mirino la gestione affidata all'Azienda per la mobilità cittadina e quei limiti di utilizzo che, in una città caratterizzata da impegnative salite, non sono stati affatto digeriti dai catanzaresi.

Dubbi e perplessità bipartisan ruotano attorno alla scelta di consentire l'utilizzo dell'impianto soltanto a chi posteggia l'auto nel parcheggio annesso nonostante l'ascensore, ormai più di due anni fa, sia stato realizzato con fondi comunitari. E il sospetto è di quelli che fanno tremare i polsi.

Sì, perché a Catanzaro si parla sempre più apertamente del limite di utilizzo come di una sorta di escamotage trovato e sfruttato dall'amministrazione comunale per trasformare l'ascensore in bene privato e risolvere così una serie di complessi problemi di natura burocratica.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook