Lunedì, 27 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'inchiesta per traffico illecito di rifiuti: contaminati terreni e falde acquifere nel Lametino
POLIZIA

L'inchiesta per traffico illecito di rifiuti: contaminati terreni e falde acquifere nel Lametino

di

Buste, frammenti di mattoni, tessuti, asfalti stradali, materiali da demolizione, rifiuti urbani comuni, pneumatici fuori uso, batteria al piombo, fusti d'olio, farmaci scaduti. Sono tonnellate i rifiuti sotterrati negli ultimi quindi canni nel Lametino. Gettati in grosse buche poi ricoperte di terra e dove sopra qualcuna anche piantato alberi di ulivo e vigneti.

Discariche abusive scoperte in localià Bagni a Lamezia e in località San Sidero "Cava Parisi" nel comune di Gizzeria che hanno accolto nel loro ventre rifiuti provenienti da tutta Italia. E' quanto ha scoperto la Polizia di Stato che, in poco meno di un anno, è riuscita a ricostruire l'avvelenamento dei terreni del Lametino.

Lamezia avvelenata dai rifiuti, una donna accanto al boss: nomi e foto del blitz con 15 arresti

L'indagine è sfociata in un due ordinanze emesse su richiesta della Dda di Catanzaro (per traffico illecito di rifiuti) e della Procura della Repubblica di Lamezia per inquinamento ambientale: 20 le misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, 8 persone sono finite in carcere, 7 ai domiciliari e 5 sono sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Catanzaro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook