Domenica, 05 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Depuratore di Catanzaro in tilt e scarichi in mare, in tre rischiano di finire a processo
PROCURA

Depuratore di Catanzaro in tilt e scarichi in mare, in tre rischiano di finire a processo

di

Il depuratore di Catanzaro, almeno fino al sequestro operato dalla Guardia costiera nel gennaio 2018, ha riversato i reflui fognari direttamente nel fiume Corace e da lì nel mare Jonio. Per questo la Procura della Repubblica di Catanzaro adesso chiede che i responsabili vengano processati.

Il sostituto procuratore Stefania Paparazzo infatti ha inviato all'ufficio gip la richiesta di rinvio a giudizio per i tre indagati: Angelo Naspro, 42 anni, direttore tecnico della Soteco spa, Domenico Augruso, 33 anni, direttore tecnico operativo per l'impianto di località Verghello e Franco Greco, 64 anni, responsabile unico del procedimento in ordine al servizio di manutenzione dell'impianto.

Tutti e tre devono rispondere di violazione delle norme ambientali.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook