Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro città "trappola" per i disabili, disagi e parcheggi occupati
LA SITUAZIONE

Catanzaro città "trappola" per i disabili, disagi e parcheggi occupati

di

«Ore 8 di ogni giorno, dal lunedì al venerdì la storia si ripete... ». Questo è lo sfogo di una mamma costretta ad ammettere che, purtroppo, Catanzaro non è una città a misura di diversamente abile.

«Mia figlia ha la sindrome di down e frequenta il Convitto “Galluppi”, situato in pieno centro - racconta la donna - Per gestirla al meglio sono obbligata a lasciare la macchina quasi sempre sulle strisce pedonali, le stesse che i bambini utilizzano per attraversare la strada ed entrare nell'istituto. Il vigile addetto a controllare l'ingresso mi indica che il posto per disabili c'è... Già, peccato che sia a 100 metri e non posso portare mia figlia in braccio, abbiamo peraltro anche uno zaino pesantissimo».  All'uscita la storia si ripete e degenera nel rientro a casa dove il posto riservato è sempre occupato da un'altra vettura non autorizzata.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Catanzaro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook