Mercoledì, 02 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mileto, monsignor Renzo sospende processioni e prime comunioni per tutta l'estate
VIBO VALENTIA

Mileto, monsignor Renzo sospende processioni e prime comunioni per tutta l'estate

di
mileto, prima comunione, tropea, Luigi Renzo, Catanzaro, Calabria, Cronaca
Il vescovo Luigi Renzo

Nuova nota del vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo - l'ottava dall’inizio della pandemia - ai parroci del Vibonese sui comportamenti da tenere durante le celebrazioni   nella prossima estate in vista delle feste patronali.

L’invito ai sacerdoti – dopo avere precisato che tutte le celebrazioni e gli incontri diocesani sono per ora soppressi, ivi compreso il Corpus Domini diocesano previsto a Mileto per l'11 giugno – è  di attenersi strettamente “alle prescrizioni del protocollo sulle prossime celebrazioni liturgiche in chiesa con la partecipazione dei fedeli a partire dal 18 maggio prossimo, sia pure in numero circoscritto all'ampiezza e alle possibilità della chiesa parrocchiale. Se poi dovessero esserci richieste più numerose del consentito il presule suggerisce  “di prevedere per la celebrazione festiva  una seconda Messa”.

Entrando poi nello specifico delle feste religiose il pastore diocesano fa sapere che “sono sospese per tutta l'estate e a tempo indeterminato, così come le Prime Comunioni e le Cresime, nella speranza che tutto ritorni sereno in un prossimo futuro”.

Nella stessa nota monsignor Luigi Renzo riferisce poi di avere appreso che “qualcuno, di propria iniziativa e senza autorizzazione, ha portato in processione su camioncino per le strade del paese la statua del Santo Patrono pur senza popolo”.

Un  modo di agire che il vescovo ha definito, sena mezzi termini, “una vera pagliacciata inutile, offensiva del valore della pietà popolare e del senso della processione. Questa deve essere – sottolinea con fermezza il vescovo - una pubblica manifestazione di fede vissuta nella preghiera, non una passerella della statua come se fosse un feticcio da riverire”.

Da qui l’augurio del pastore diocesano che “prevalga sempre il buon senso pastorale, non l'istintività, che non è mai educativa”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook