Domenica, 05 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Lancia" i rifiuti ma dentro c'erano ricette col nome: pensionato denunciato a San Gregorio d’Ippona
VIBO VALENTIA

"Lancia" i rifiuti ma dentro c'erano ricette col nome: pensionato denunciato a San Gregorio d’Ippona

A seguito della pubblicazione online di un video, poi formalmente acquisito dalle forze dell'ordine, ritraente un uomo che, dopo essersi fermato sulla strada con la propria autovettura aveva “lanciato” nel terrapieno sottostante diversi sacchi verosimilmente contente rifiuti, su input del questore, gli uomini della Squadra amministrativa della questura di Vibo Valentia, hanno effettuato accertamenti consentendo di individuare non solo il luogo, ricadente nel Comune di San Gregorio d’Ippona, ove erano stati gettati i sacchi in plastica, ma soprattutto l’autore del gesto.

Al riguardo decisive sono stati l’autovettura utilizzata e la particolare andatura dell’uomo evidenziata dalla visione del filmato.

Sul posto individuato, gli agenti hanno riscontrato che i cinque sacchi in plastica che erano stati gettati, contenevano rifiuti indifferenziati non pericolosi, tra cui utensili in metallo, plastiche ed altro materiale che, invece, avrebbero dovuto essere appositamente smaltiti con la raccolta differenziata.

Ma soprattutto, i sacchi contenevano la firma di chi li aveva lanciati, dato che, all’interno degli stessi, gli agenti hanno riscontrato la presenza di ricette mediche e varia documentazione cartacea intestata all’autore del “lancio” ed ai suoi familiari.

L'uomo è stato sanzionato con una multa da 600 euro, somma pari al doppio dell’importo minimo previsto dalla normativa.

Al momento della notifica del verbale all’uomo, un pensionato di ottantadue anni, che vive non poco distante dal luogo di discarica, non è rimasto altro che ammettere le proprie responsabilità, giustificandosi sul mancato ritiro degli stessi da parte degli operatori ecologici.

I sacchi, gettati nel terrapieno e non facilmente raggiungibili da parte degli operatori, ostruivano i canali di scolo delle acque dalla sede stradale. Tuttavia sono stati recuperati dagli Agenti della Questura nel corso del sopralluogo e consegnati per il loro corretto smaltimento alla ditta incaricata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook