Martedì, 22 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 11 settembre, Monterosso Calabro ricorda la sua "cittadina" Ann Judge Campana
VIBO VALENTIA

11 settembre, Monterosso Calabro ricorda la sua "cittadina" Ann Judge Campana

di

Gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001, che sconvolsero gli Stati Uniti e il mondo intero, segnarono anche Monterosso Calabro. Sul Boeing 757, che andò a schiantarsi contro il Pentagono, viaggiava Ann Judge Campana, cittadina onoraria di Monterosso. Esponente della National Geographic, Ann Judge Campana fu la promotrice -insieme con Gale Cleere, membro del governo USA-, dei flussi turistici americani nel piccolo borgo angitolano, che da ventisette anni coinvolgono folte comitive.

Era il 1993 quando un gruppo di studenti statunitensi, guidato da Judge Campana e da Cleere, era in gita in Sicilia e Calabria per seguire il progetto “Marco Polo”, il quale prevedeva la visita dei principali centri storici del Mediterraneo. Su invito del tour operator monterossino Antonio Parisi, Judge Campana e Cleere visitarono Monterosso: il centro storico del paese colpì molto le due americane, tanto da indurle, successivamente, a portare nel borgo gruppi turistici sempre più numerosi.

L’apporto culturale delle ripetute visite d’oltreoceano fu considerevole: per tale motivo, l’amministrazione comunale dell’epoca conferì ad Ann Judge Campana e a Gale Cleere la cittadinanza onoraria. A seguito della tragedia dell’11 settembre 2001, Monterosso intese ricordare Judge Campana e il marito Joe Fregusson (altro assiduo frequentatore del borgo, deceduto nella medesima circostanza) con una solenne cerimonia, presieduta dal vescovo, monsignor Domenico Tarcisio Cortese, e presenziata dai sindaci del vibonese e dalle autorità militari statunitensi in servizio presso la sezione N.A.T.O. di Napoli. Inoltre, la “Familia de Rubro Monte”, prestigiosa associazione locale, istituì una borsa di studio intitolata proprio a Judge Campana che ogni anno porta negli Usa gli studenti monterossini più meritevoli.

Gale Cleere temette che la scomparsa di Ann Judge Campana potesse allentare il legame con il paese: onde evitare ciò, Cleere e altri statunitensi (circa venti in tutto) acquistarono casa a Monterosso. Ad oggi gli americani trascorrono lunghi periodi nel borgo e si adoperano per valorizzare il centro storico: da ultimo, ad esempio, hanno contribuito alla prima fase del restauro dell’antica torre “Capana”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook