Lunedì, 23 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I ristoratori di Lamezia protestano contro il Dpcm: "Non serviamo per decreto"
CORONAVIRUS

I ristoratori di Lamezia protestano contro il Dpcm: "Non serviamo per decreto"

"Non serviamo per decreto", questo lo slogan scritto sulle magliette dei titolari di ristoranti, bar e pub che stasera a Lamezia hanno protestato contro l'ultimo Dpcm del governo Conte. Per alcuni minuti gli esercenti hanno bloccato il traffico di corso Nicotera tra l'isola pedonale e la scuola Maggiore Perri.

Una manifestazione pacifica senza intemperanze o disordini di sorta. Un'iniziativa che è stata un grido di dolore per i titolari delle attività di ristorazione della città a cui proprio non vanno giù le nuove drastiche restrizioni imposte dall'esecutivo nazionale per cercare di frenare il dilagare dei contagi.

"Vogliamo lavorare - hanno ribadito gli esercenti - dopo il lockdown per poter riaprire in sicurezza abbiamo adeguato i nostri locali secondo le indicazioni del governo che ora ci chiede di chiudere di nuovo. Questo vuol dire farci morire, distruggere un comparto produttivo che è vitale per l'economia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook