Venerdì, 20 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca ’Ndrangheta a Vibo, piaga sempre aperta
LA CLASSIFICA

’Ndrangheta a Vibo, piaga sempre aperta

di
Uno studio di Eurispes regala l’ennesima “maglia nera” al Vibonese molto vulnerabile al crimine organizzato
'ndrangheta, eurispes, studio, vibo valentia, Catanzaro, Cronaca
Nove locali e altrettante ‘ndrine “censite” dai carabinieri nel Vibonese

Il territorio vibonese “zona rossa”, per il Covid lo è stata, per la criminalità continua a esserlo. Sul finire dell’anno per il capoluogo e la provincia sono costanti le batoste sotto l’albero. Costanti, puntuali e... scontate come un bigliettino del tipo: “Buon Natale a te e famiglia”. Ad augurare – si fa per dire – le buone feste al territorio sono generalmente due report: quello del Sole 24 Ore sulla qualità della vita e quello dell’Eurispes che studia le dinamiche criminali. Nel primo caso Vibo e provincia da decenni, ormai, sono relegati agli ultimi posti della classifica; nel secondo schizzano in testa alla graduatoria. Come dire: ultimo fra i primi e primo fra gli ultimi, ovvero tra le regioni e province d’Italia in cui l’indice di permeabilità criminale è molto basso. Da anni la musica non cambia perché in fatto di ’ndrangheta il Vibonese è rimasto sempre tra i “primi” della classe. Un andazzo che oggi conferma lo studio Eurispes nel quadro del Protocollo d’intesa siglato con la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo. Studio in base al quale la provincia di Vibo è seconda a quella di Crotone, avendo uno dei più alti indici di vulnerabilità alla criminalità organizzata del Paese. A seguire quella di Napoli e quella di Reggio Calabria.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook