Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Confiscati 10 milioni ad Antonio Muto, il "collettore" tra politica e il clan Grande Aracri di Cutro
IN EMILIA ROMAGNA

Confiscati 10 milioni ad Antonio Muto, il "collettore" tra politica e il clan Grande Aracri di Cutro

Dal 1977 Antonio Muto si era trasferito a Reggio Emilia dove aveva numerosi interessi in imprese edili ed immobiliari, era stato arrestato nel 2015 nell'ambito dell'operazione "Aemilia"

La Direzione Investigativa Antimafia ha confiscato, in esecuzione del provvedimento emesso dal locale Tribunale su proposta del Direttore della DIA, beni mobili ed immobili, per un valore complessivo stimato in circa 10 milioni e 500 mila euro, a Antonio Muto, 65 anni, attualmente detenuto presso la Casa Circondariale di Reggio Emilia.

Muto, trasferitosi dal 1977 nel capoluogo emiliano, dove ha cointeressenze in imprese edili ed immobiliari, e' stato arrestato il 28 gennaio 2015, nell'ambito dell'operazione "Aemilia", insieme ad altre 202 persone, in quanto legato alla cosca di 'ndrangheta Grande Aracri di Cutro (KR) operante nei territori di Reggio Emilia, Parma, Modena e Piacenza.

Il decreto ha riguardato 75 immobili, tra cui una villetta di pregio a Reggio Emilia, capannoni industriali e terreni situati in Emilia Romagna e Calabria, una societa' immobiliare e 13 mezzi commerciali ed autovetture, oltre a svariati rapporti bancari accesi presso numerosi istituto di credito.

Il Tribunale ha anche disposto la misura della Sorveglianza Speciale di P.S. della durata di 5 anni che verrà eseguita dopo l'espiazione della pena di 12 anni di reclusione emessa, in data 31 ottobre 2018, dal Tribunale di Reggio Emilia.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook