Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Soverato, estorsioni sulla jonica: diciotto anni al killer dell’appuntato Lio
IL VERDETTO

Soverato, estorsioni sulla jonica: diciotto anni al killer dell’appuntato Lio

di
La sentenza dell’inchiesta “Showdown 3”. I giudici hanno emesso sette condanne e cinque assoluzioni
cinque assoluzioni, sette condanne, Showdown 3, Alberto Sia, Antonino Renda, Davide Sestito, Fiorito Procopio, Francesco Salvatore Chiera, Luciano Ussia, Massimiliano Sestito, Michele Lentini, Patrick Vitale, Pio Luigi Milordi, Valter Di Masi, Vincenzo Alcaro, Catanzaro, Cronaca
Il palazzo di giustizia "Francesco Ferlaino" di Catanzaro

Si conclude con sette condanne e cinque assoluzioni il processo di primo grado scaturito dall’inchiesta “Showdown 3” contro le cosche soveratesi e delle Preserre. Si tratta di uno dei tre filoni con i quali la Dda del capoluogo ha smantellato uno dopo l’altro i clan che per decenni hanno gestito i traffici illeciti della costa jonica, mettendo anche le mani su attività economiche e commerciali, sfibrate da estorsioni continue, andando altresì a controllare parte dei più rilevanti appalti pubblici, tra i quali pure quelli della Trasversale delle Serre. La sentenza del Tribunale ha sancito la condanna a diciotto anni di reclusione per Massimiliano Sestito; quattro anni e sei mesi all’ex carabiniere Vincenzo Alcaro; tre anni e seimila euro di multa ad Alberto Sia; tre anni e seimila euro di multa per Patrick Vitale; due anni a Davide Sestito; sei anni e seimila euro di multa per Michele Lentini; cinque a carico di Fiorito Procopio. Il capitolo assoluzioni si presenta differenziato: formula piena per Antonino Renda, assolto perché il fatto non sussiste; stesso discorso per Francesco Salvatore Chiera, Luciano Ussia e Valter Di Masi perché il fatto non costituisce reato; Pio Luigi Milordi per non aver commesso il fatto. Assoluzioni per singoli capi anche per gli imputati condannati: Alcaro, Sia e Vitale sono stati assolti dal reato di detenzione di arma da guerra; Lentini e Procopio dall’intestazione fittizia di beni.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook