Lunedì, 08 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, l’impiegata infedele e la parola d’ordine per avere i soldi
"BASSO PROFILO"

Catanzaro, l’impiegata infedele e la parola d’ordine per avere i soldi

di
In ufficio postale nella periferia di Catanzaro il gruppo movimentava centinaia di migliaia di euro
catanzaro, inchiesta basso profilo, Antonella Drosi, Catanzaro, Cronaca
Gli agenti della Dia durante le perquisizioni dell'operazione "Basso profilo" di Catanzaro

«È una vera associazione mafiosa», così chi ne faceva parte descriveva l’organizzazione messa in piedi da Antonio Gallo. L’indagine “Basso profilo” condotta dalla Dda di Catanzaro ricostruisce l’intreccio di società cartiere ma soprattutto il piccolo esercito di spalloni e teste di legno al servizio del “principino”. Ma oltre ai “prelevatori” all’organizzazione servivano impiegati e direttori di uffici postali che chiudessero un occhio su operazioni sospette, ogni qual volta taluno dei soggetti incaricati di recarsi ad effettuare operazioni postali si presentasse direttamente allo sportello invece che utilizzare le carte prepagate al postamat. Emerge così il ruolo di Antonella Drosi, impiegata “infedele” delle Poste all’ufficio di Santa Maria di Catanzaro che agevolava le operazioni di prelievo degli associati o dei loro incaricati, omettendo di segnalare anche se obbligata in qualità di intermediario finanziario le operazioni sospette. In cambio l’organizzazione teneva a stipendio suo fratello Valerio. Per garantire la massima sicurezza nelle operazioni la Drosi si era inventata anche una parola d’ordine per i membri dell’associazione in modo da compiere più velocemente le operazioni.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook