Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo per l’autobomba di Limbadi, Rosaria Scarpulla: io continuo a resistere
LA VICENDA

Processo per l’autobomba di Limbadi, Rosaria Scarpulla: io continuo a resistere

di
I genitori di Matteo Vinci depongono in aula a Catanzaro. Ricostruite le minacce e le violenze subite per cedere un terreno
autobomba Limbadi processo, Francesco Vinci, Rosaria Scarpulla, Catanzaro, Cronaca
Francesco Vinci e Rosaria Scarpulla ieri a Catanzaro

Giornata di drammatici ricordi e forti emozioni nell’aula della Corte d’Assise di Catanzaro dove si sta svolgendo il processo per l’autobomba di Limbadi, che il 9 aprile del 2018 spazzò via la vita del biologo Matteo Vinci mentre il padre Francesco subì ferite e ustioni gravissime. Ieri, infatti, sono stati ascoltati Rosaria Scarpulla e Francesco Vinci, genitori di Matteo. Un’udienza fiume iniziata alle 10.30 e terminata nel tardo pomeriggio quando il presidente Alessandro Bravin ha congedato le parti rinviando all’udienza del 23 marzo, per quella data in aula parleranno gli imputati. Per la morte di Matteo Vinci e il grave ferimento del padre, sono quattro gli imputati accusati, a vario titolo, di omicidio, tentato omicidio, entrambi aggravati dalla premeditazione e dai motivi abietti e futili, detenzione e porto illegale di esplosivo, lesioni personali, armi e tentata estorsione, con l’aggravante delle modalità mafiose.

Leggi l'articolo completo  sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook