Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, processo Scott-Rinascita: "la pace imposta per fare affari"
TESTIMONIANZA

Lamezia, processo Scott-Rinascita: "la pace imposta per fare affari"

di
Le dichiarazioni del collaboratore catanzarese Santo Mirarchi
processo scott rinascita, testimonianza, Santo Mirarchi, Catanzaro, Cronaca
Il collaboratore di giustizia Santo Mirarchi

La pax mafiosa siglata all’ombra della Cittadella. È quanto svelato ieri dal collaboratore di giustizia Santino Mirarchi sentito nel maxi processo Scott Rinascita. L’ex esponente della criminalità organizzata catanzarese ora pentito ha svelato come i grandi appalti pubblici avvenuti negli ultimi anni nel capoluogo siano serviti per sancire la pace tra i Grande Aracri di Cutro e gli Arena di Isola Capo Rizzuto. Mirarchi ha fornito anche l’elenco delle opere pubbliche su cui i clan sarebbero riusciti a mettere le mani e a spartirsi i soldi, a partire proprio dalla nuova sede degli uffici della Regione Calabria a Germaneto, passando poi per il porto di Lido, la metropolitana e soprattutto la variante della statale 106. «Una pace per fare affari», ha sintetizzato ieri il collaboratore, il quale ha aggiunto «c’erano grosse gare d’appalto e ci è stato detto che non potevamo fare omicidi o attirare l’attenzione sulla città di forze dell’ordine e magistratura». Così sarebbe stato deciso di dividere i proventi delle grandi estorsioni imposte ai cantieri delle opere pubbliche per tutte le famiglie della zona compresi gli Anello di Acconia di Curinga, i clan di Vallefiorita e Roccelletta di Borgia.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook