Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ex moglie di 'ndrangheta ridotta in schiavitù, a processo il marito e altri 3 a Limbadi
LA STORIA

Ex moglie di 'ndrangheta ridotta in schiavitù, a processo il marito e altri 3 a Limbadi

La donna stanca dei maltrattamenti aveva iniziato a raccontare gli affari del clan Mancuso agli inquirenti
'ndrangheta, limbadi, Catanzaro, Cronaca
violenza uomo picchia donna

Riduzione e mantenimento in schiavitù, maltrattamenti in famiglia e usura. Questi i reati per i quali il Gup distrettuale di Catanzaro, accogliendo una richiesta della Dda, ha disposto quattro rinvii a giudizio nell’ambito di un’indagine che vede quale vittima e parte offesa Ewelyna Pytlarz, la donna polacca moglie di Domenico Mancuso (fratello dei più noti boss di Limbadi Giuseppe Mancuso, alias «Pino Bandera», e Pantaleone Mancuso, detto «Scarpuni") divenuta dal dicembre 2013 testimone di giustizia.

Il reato di riduzione e mantenimento in schiavitù, aggravato dalle modalità mafiose, viene contestato a Domenico Mancuso, 47 anni, ed alla madre Giulia Tripodi, 82 anni, di Limbadi, per aver costretto Ewlyna Pytlatrz a vivere in condizioni insostenibili sempre in regime di stretto controllo e sorveglianza, picchiandola con pugni e calci. Reato di usura contestato, invece, a Roberto Cuturello, 54 anni, di Limbadi, mentre il reato di favoreggiamento in usura viene contestato ad Antonio Agostino, 63 anni, di Nicotera.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook