Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Simeri Crichi, Il "tour fra le incompiute" termina lungo la Statale 106
FENEALUIL

Simeri Crichi, Il "tour fra le incompiute" termina lungo la Statale 106

Posto l’accento sui ritardi infrastrutturali del territorio e sulle priorità della categoria
FenealUil, simeri crichi, Tour fra le incompiute, Francesco De Biase, Gaetano Tomaselli, Mariaelena Senese, Santo Biondo., Vittorio Vattini, Catanzaro, Cronaca
Francesco De Biase, Santo Biondo, Gaetano Tomaselli, Mariaelena Senese e Vittorio Vattini

Si è chiuso a Simeri Crichi, lungo la Statale 106, il “Tour fra le incompiute” della FenealUil Calbria. Il segretario generale Mariaelena Senese, accompagnata da Gaetano Tomaselli e Vittorio Vattini, ha posto l’accento sui ritardi infrastrutturali del territorio e sulle priorità della categoria.
In particolare il segretario generale della FenealUil Calabria ha richiamato l’attenzione della politica nazionale e regionale sulle tante incompiute presenti sul territorio di Catanzaro, a partire dalla diga di Gimigliano, e sulla necessità, poi volte rappresentata, di completare il tracciato della nuova Strada statale 106.
«Chiediamo - ha detto Mariaelena Senese - un’accelerazione sui lavori di realizzazione del tratto della Strada statale 106 compreso fra lo svincolo di Simeri Crichi e quello di Passovecchio. Ciò consentirebbe di realizzare un collegamento più veloce e sicuro fra Catanzaro e Crotone e, allo stesso tempo, assecondare le necessità crescenti di mobilità del territorio e aiutare le sue potenzialità turistiche e culturali».
Durante il suo intervento, poi, Mariaelena Senese ha focalizzato la sua attenzione sulla diga di Gimigliano: la diga sul lago fantasma, per ricordare a tutti come questa sia “l’incompiuta più disastrosa non solo della Calabria ma di tutta la Penisola. Un’opera sulla quale tutta la politica si è impegnata ma che, sino ad oggi, non ha visto la luce”.
A Simeri Crichi, accanto a Mariaelena Senese, c’era anche il Segretario generale della Uil Calabria, Santo Biondo, accompagnato dal Segretario organizzativo Francesco De Biase. “La politica - ha detto Santo Biondo - non manchi l’occasione del Recovery plan, ci ascolti e lavori per rilanciare infrastrutturalmente, socialmente ed economicamente la Calabria, per liberarla da giogo mafioso, aiutarla a recuperare il gap con il resto dell’Italia ed aprirla all’Europa. La Regione non si arrocchi su posizioni difensive inaccettabili, si apra al confronto con il partenariato economico e sociale e liberi la programmazione europea dai ragionamenti fra pochi intimi, proiettandola in un ragionamento ampio e costruttivo con le parti sociali e tutti gli stakeholder coinvolti”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook