Lunedì, 08 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, l’ospedale Covid fa paura e blocca le cure
SANITÀ

Vibo, l’ospedale Covid fa paura e blocca le cure

di
Sott’accusa le scelte dell’Asp che non riesce a garantire ricoveri in sicurezza

Le cure restano sospese. Il diritto alla salute letteralmente cancellato. Pandemia, scelte scellerate e paura hanno ormai messo in ginocchio l’ospedale Jazzolino. Una struttura già disastrata caricata ulteriormente dal peso del Covid non poteva fare altro che collassare. È stata bloccata nei fatti qualsiasi possibilità di cura per i pazienti che gravitano su tutto il territorio vibonese.
I reparti che ancora resistono sono solo Chirurgia, Cardiologia, Ostetricia e Neurologia. Ma per gli utenti entrare in ospedale è solo un pericolo. Il “percorso misto” non offre le necessarie garanzie e allora dallo Jazzolino gli utenti cercano di stare alla larga, crescono invece gli accessi nelle cliniche private e nelle strutture ospedaliere di Catanzaro. Sembra una “tempesta perfetta” per cancellare definitivamente lo Jazzolino dalla rete sanitaria regionale, provando a dare linfa a strutture periferiche del territorio sprovviste di rianimazione e con attrezzature diagnostiche piuttosto limitate. Così i pazienti con gravi patologie non possono fare altro che prendere la via di Catanzaro o quella dell’emigrazione negli ospedali del Nord andando ad incidere ancora più pesantemente sul debito sanitario regionale.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook