Martedì, 18 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pizzo, un raro pesce foglia finisce nella rete di alcuni pescatori
LA SCOPERTA

Pizzo, un raro pesce foglia finisce nella rete di alcuni pescatori

di
È una specie diffusa in tutti i mari tropicali e subtropicali ed è nota con il nome inglese di “triple tail” (tripla coda)
pesce foglia, pizzo, Catanzaro, Cronaca
Il pesce foglia catturato a Pizzo

Un raro Pesce foglia finisce nella rete dei pescatori. Una nuova cattura nelle acque napitine, a conferma della ricchezza in termini di biodiversità nel mare di Pizzo. A quasi due anni di distanza dall’ultima cattura (risalente all’aprile 2019), un altro esemplare di Pesce foglia (Lobotes surinamensis) è finito in una rete calata ad appena dieci metri dalla riva, in località “Malfarà”. Ad accorgersi dello strano “ospite”, Giacomo Procopio, uno dei più anziani pescatori napitini che ha legato la sua vita al mare e alla pesca, erede di un’antica tradizione familiare. Pertanto, consapevoli di trovarsi di fronte a una cattura non certamente comune, altri giovani pescatori, hanno immediatamente contattato il naturalista del Wwf, Pino Paolillo, che ha confermato l’identificazione della specie; il professionista ha altresì raccolto alcuni dati biometrici dell’esemplare che misurava 55 cm di lunghezza per un peso di 3,5 kg. Dopo la prima segnalazione di una cattura alla foce dell’Angitola risalente all’ottobre 1967 e decritta dal Bini, Paolillo ricorda anche un secondo rinvenimento al largo di Vibo Marina nel novembre 2017, a circa 15 miglia dalla costa. Il pesce foglia è una specie diffusa in tutti i mari tropicali e subtropicali, ed è nota con il nome inglese di “triple tail” (tripla coda) a causa della caratteristica posizione arretrata della pinna dorsale e di quella anale, entrambe vicine alla coda, tanto da far pensare che l’animale sia dotato, appunto, di una coda trilobata. La notizia dell’interessante cattura è stata comunicata da Paolillo al ricercatore siciliano Francesco Tiralongo, che da anni registra le catture di specie rare o “aliene” nei nostri mari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook