Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, l’impresa che nessuno poteva “toccare”
“COCCODRILLO”

Catanzaro, l’impresa che nessuno poteva “toccare”

di
I danneggiamenti subiti dai Lobello potrebbero essere stati la causa scatenante di due omicidi. Gli imprenditori si erano lamentati con i vertici del clan Arena del comportamento di Toro Seduto

A Catanzaro l’alleanza tra gli interessi imprenditoriali della famiglia Lobello e quelli criminali delle cosche Arena e Mazzagati potrebbe non essere solo una storia di soldi. Nelle 300 pagine scritte dai pm Veronica Calcagno e Debora Rizza, dall’aggiunto Vincenzo Capomolla e dal procuratore Nicola Gratteri si raccontano, per dimostrare il grado di vicinanza tra imprenditori e affiliati, tre episodi. In due casi i protagonisti di queste vicende sono stati uccisi: l’imprenditore Santo Gigliotti e Domenico Bevilacqua conosciuto come Toro seduto il boss della criminalità rom.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

 

 

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook