Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Carcere di Catanzaro, un’umanità sofferente alla ricerca della rinascita
CASA CIRCONDARIALE

Carcere di Catanzaro, un’umanità sofferente alla ricerca della rinascita

di
La quotidianità raccontata dal cappellano don Pilò
carcere catanzaro, Giorgio Pilò, Catanzaro, Cronaca
Suor Nicoletta Vessoni e don Giorgio Pilò

Il carcere, Catanzaro non fa eccezione, è un luogo di grande povertà, non morale e spirituale, come molti potrebbero pensare e come l'immaginario collettivo è portato a credere, ma proprio povertà fisica. «Nel carcere finiscono i poveracci. Il carcere è diventato un contenitore dei rifiuti della società. Certo ci sono anche i boss mafiosi, ma il 70-80% è povera gente, persone che non hanno famiglia alle spalle, né reddito o mantenimento e vanno aiutati perché non hanno soldi nemmeno per comprarsi l’acqua». A parlare è don Giorgio Pilò, cappellano del penitenziario “Ugo Caridi” che si trova nel quartiere Siano del capoluogo, lontano da tutto e tutti. Della famosa “villeggiatura”, anche retribuita, che i detenuti farebbero non c’è traccia. «C’è chi lavora – spiega don Giorgio – ma sono pochi e non hanno paga sindacale. Se fanno sei giorni gliene pagano tre, se fanno otto ore gliene pagano tre. Prevalentemente si tratta di indigenti. Si aiutano tra loro, certo, ma a molto pensiamo noi con la Caritas attiva all’interno».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook