Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, i “germogli” della Progetto Sud nello stabile confiscato al clan
LE MINACCE

Lamezia, i “germogli” della Progetto Sud nello stabile confiscato al clan

di
La palazzina nel cuore di Capizzaglie assegnata alla coop di don Panizza
Progetto Sud, Catanzaro, Cronaca
L'interno della sede della comunità "Progetto Sud" a Lamezia Terme

Le minacce alla Comunità Progetto Sud sono ritornate alla ribalta della cronaca in questi giorni, dopo che agli operatori della struttura “Pensieri e parole” sono state tagliate le gomme. Episodi che, nelle ultime settimane, si sono ripetuti frequentemente anche di giorno, nel silenzio assordante di chi ha visto e continua a girarsi dall’altra parte. Non è certo la prima volta che la comunità, fondata e guidata da don Giacomo Panizza, è oggetto di minacce. Gli atti intimidatori ai danni della comunità e dei suoi rappresentanti non si contano. L’attenzione della criminalità organizzata si è concentrata proprio sul palazzo di “Pensieri e parole”, un immobile confiscato al malaffare e assegnato alla Progetto Sud nei primi anni del 2000.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook