Venerdì, 24 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pizzo, alzata di scudi per salvare “La Nave”. Il proprietario spera di bloccare le ruspe
ABUSIVISMO

Pizzo, alzata di scudi per salvare “La Nave”. Il proprietario spera di bloccare le ruspe

di
Appello di Ceravolo ai commissari: si crei lavoro non lo si distrugga
abusivismo, pizzo, Catanzaro, Cronaca
Il ristorante “La Nave” a Pizzo

Si cerca di alzare il tiro in nome della legalità. E la triade commissariale punta, come accennato sulle colonne della Gazzetta del Sud di ieri, alla lotta all’abusivismo. Lo fa anche per porre un argine, visto che il fenomeno non è esclusivamente datato, ma prosegue incessantemente. A tal proposito Antonio Reppucci, Giuseppe Di Martino e Antonio Corvo possono contare su un quantum alquanto cospicuo per eseguire le demolizioni e poi rivalersi su chi ha commesso gli abusi. Ci sono infatti ben 100mila euro a disposizione. La maggior parte dei napitini è d’accordo sul pugno di ferro, ma se plaude all’iniziativa forte e perentoria che mira a rimuovere i ruderi che si trovano sul mare, qualche voce si è elevata in merito all’ex ristorante “La Nave” finito nell’elenco delle opere abusive da demolire. Sarà che quel locale ha segnato la storia della città o sarà anche per la sua forma caratteristica che ben si sposa coi luoghi, ma sono in numerosi a chiedere di percorrere un’altra strada piuttosto che raderlo al suolo. Oltre che a sperare che il proprietario regolarizzi, aprono ad un’altra possibilità: che l’Ente acquisisca nel patrimonio comunale la struttura e la destini per un uso collettivo, quale museo del mare o sede culturale.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook