Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, picchiavano adolescenti per saldare debiti di droga. In manette un giovane
L'ARRESTO

Catanzaro, picchiavano adolescenti per saldare debiti di droga. In manette un giovane

C.D.stato tradotto al carcere di Vibo Valentia dove dovrà espiare la residua pena di 4 anni 7 mesi e 22 giorni di reclusione

Nella giornata del 19 marzo i carabinieri della stazione di Catanzaro Bellamena hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Catanzaro  traendo in arresto C.D. classe 1994, convivente, disoccupato, censurato.

Il provvedimento è connesso ad una serie di reati commessi nel 2016 che hanno portato i Carabinieri della Compagnia di Catanzaro ad effettuare un indagine su quattro giovani catanzaresi ritenuti responsabili, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana e hashish nel capoluogo calabrese, oltre ad una serie di episodi di estorsione, rapina e lesioni perpetrate ai danni di giovani acquirenti, alcuni dei quali minorenni.

L’indagine ha portato all’arresto dei quattro giovani poiché vessavano e picchiavano ragazzi adolescenti per saldare i loro debiti di droga. Dalle risultanze investigativa è emerso che gli stessi avessero messo in piedi un vero e proprio sodalizio criminale dedito allo spaccio di marijuana e hashish seminando il terrore tra numerosi acquirenti.

Alcune delle vittime per saldare il loro debito si erano viste costrette a sottrarre fraudolentemente ai genitori alcuni monili in oro, da “cambiare” in denaro ai “Compro Oro”, o il bancomat per prelevare il denaro da corrispondere ai pusher; altri, addirittura, si erano messi al servizio del gruppo, trasformandosi, a loro volta, in spacciatori per la vendita dello stupefacente a favore di terzi, fino all’agognata ma pressoché irrealizzabile estinzione del debito.

All’esito delle indagini, convenzionalmente denominata Payback, i quattro erano stati arrestati. Ora, a seguito della sentenza di condanna passata in giudicato, il C.D. è stato tradotto al carcere di Vibo Valentia dove dovrà espiare la residua pena di 4 anni 7 mesi e 22 giorni di reclusione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook